Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Toia: un buon voto a tutti, nel nome dell'Italia e dell'Europa

22 Settembre 2022

Care e cari amici e conoscenti, siamo arrivati alla vigilia del 25 settembre. È un’elezione più importante di altre del passato, perché si colloca in un momento cruciale per la vita del Paese e dell’Europa. Nel mezzo di una guerra che nasce dall’invasione Russa in Ucraina, ma che comunque coinvolge l’Europa sia come comunità democratica sia come ripercussioni economiche, si è interrotta colpevolmente, da parte di Movimento 5 stelle, Forza Italia e Lega, l’attività del governo Draghi, un presidente così stimato e così influente da essere una garanzia e un baluardo anche per l’Europa. Ma non solo. Si è interrotta, o la si mette a rischio, l’attuazione del PNRR, cioè lo strumento che consente di avere e di utilizzare i preziosi 219 miliardi circa che il Next Generation EU ha riservato all’Italia con un gesto di solidarietà da parte dell’Europa che forse non abbiamo apprezzato abbastanza. Si è bloccato un governo che stava affrontando, oltre che a livello nazionale, a livello europeo, una delle misure più utili per ridurre il costo dell’energia, cioè il TETTO AL PREZZO DEL GAS. Di questa battaglia è stato protagonista Draghi, ma certamente, con la crisi, il suo peso si è indebolito e questo è stato un danno per tutti noi, italiane e italiani. E ADESSO, IL FUTURO! Ci sono visioni diverse e prospettive alternative tra le due coalizioni in campo, il centrosinistra e la destra-centro. Noi del PD, con la coalizione di centrosinistra, diamo una proposta chiara, senza ombre o ambiguità, senza illusioni o mistificazioni. L’Italia è un paese che si colloca da protagonista nell’Europa e si schiera nell’alleanza atlantica, con un approccio e una capacità di autonomia europea. Essere PROTAGONISTI IN EUROPA vuol dire contare e decidere in quella sede, perché l’Europa è la nostra casa e solo lì possiamo trovare: garanzia di piena democrazia, crescita dei diritti civili e sociali, sviluppo sostenibile, innovazione scientifica e tecnologica e una maggiore inclusione sociale. L’Italia soffre di diseguaglianze molto forti, e anche di arretratezze nello sviluppo economico. Dobbiamo risolvere insieme queste due fragilità: crescita del manifatturiero, dei servizi e dell’agricoltura devono andare di pari passo con migliore occupazione e condizioni sempre più eque per lavoratrici e lavoratori. E poi… DEMOCRAZIA senza dubbi e senza restrizioni. Nel mondo, e purtroppo anche in Europa, molte democrazie diventano autarchie, e così è per l’Ungheria e la Polonia. Ma non sono quelli i Paesi a cui noi del PD guardiamo come modelli o per cui troviamo giustificazioni, come fanno i partiti della destra in Italia, in nome di un dannoso nazionalismo. Il nostro programma si incentra sul lavoro, sull’ambiente e sui diritti. Una società più giusta è una società più democratica e più rispettosa dell’ambiente e della qualità della vita. Noi siamo per un’altra EUROPA, decisamente DEMOCRATICA, UNITA E SOLIDALE. E vogliamo questa Europa, sia per motivazioni ideali sia perchè è L’EUROPA UTILE ALL’ITALIA. Ecco le due visioni, tra il PD e la destra. A ciascuna e ciascuno tocca oggi la scelta. Un buon voto a tutti, in nome dell’Italia e dell’Europa.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30

Rassegna stampa