Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Censi: a Milano è stata fatta una rivoluzione

28 Aprile 2022

Intervista all'Assessora Censi su "Cooperazione & Solidarietà" di Delta Ecopolis

A Milano è stata fatta una rivoluzione per quanto riguarda la mobilità ciclabile, nel periodo dell’emergenza sanitaria, anche per garantire le misure di distanziamento negli spostamenti urbani. Il 2020 ha cambiato la percezione che avevamo del mondo e ha accelerato alcuni cambiamenti necessari per adattarci alle prescrizioni di sicurezza per affrontare il Covid.

Il modo di muoversi a Milano è cambiato e la città ha dovuto adattarsi in poco tempo alle nuove esigenze. Nello stesso tempo, però, ci ha anche offerto un’opportunità: migliorare l’offerta di piste ciclabili e facilitare una mobilità sempre più green. Il grande piano delle ciclabili presentato nel 2020 dal Comune di Milano prevedeva diverse fasi di realizzazione e in particolare il raggiungimento di 35 km di piste nello stesso anno. Questo obiettivo è stato raggiunto, anzi superato. Ma il piano delle nuove ciclabili continua, uscendo dalla fase emergenziale, e prevedendo la realizzazione anche di percorsi definiti in maniera più strutturale. Con anche i nuovi obiettivi di ricucire i vari segmenti realizzati e pensando di coordinare i lavori anche fuori dai confini milanesi, con i Comuni della provincia. Anche se tutti aspettiamo un ritorno alla normalità, nella nostra vita di tutti i giorni, per quanto riguarda la mobilità non vorrei si facessero passi indietro. In particolare sulle piste ciclabili, dopo il grande successo che hanno avuto. Milano finora, rispetto ad altre grandi città europee come Copenhagen o Parigi, non ha visto un grande utilizzo delle bici. In parte per una cultura generale, in parte per problemi di sicurezza. L’obiettivo è incrementare le piste ciclabili per consolidare e aumentare l’utilizzo delle due ruote.

Una volta poi che ci si abitua alla bicicletta, ci sono anche indubbi vantaggi. In città la bicicletta è concorrenziale con l’automobile. Nelle ore di punta è addirittura più veloce. E poi non devi perdere tempo per trovare un parcheggio e in centro non devi pagare la congestion charge.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30

Rassegna stampa