Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Toia: Vogliamo un'Europa più autonoma per le materie prime critiche

25 Novembre 2021


Intervento in Plenaria di Patrizia Toia


Una rivolta anti istituzioni legata anche alla precarietà - intervista a Patrizia Toia del Corriere della Sera

Patrizia Toia - aggiornamento settimanale

Due rischi aleggiano sulla ripresa della nostra economia, oltre a quello dell’inflazione.

Il primo è rappresentato dalla scarsità e dal costo delle materie prime e l’altro dall’aumento del prezzo del gas. Non possiamo accettare che vi siano imprese che non riescono a soddisfare gli ordini oppure che interrompano parzialmente la loro attività produttiva per queste ragioni.

Basti pensare che l'Ue attualmente fornisce solo circa l'1% delle materie prime per l'energia eolica, per le batterie al litio, le celle a combustione, la robotica e per i componenti fotovoltaici a base di silicio. E inoltre, di tutte le materie prime critiche individuate dalla Commissione europea, il 52% lo importiamo dalla Cina.

Ecco perché è importante la Strategia europea per le materie prime critiche approvata dal Parlamento europeo questa settimana.

Importante tra i vari progetti annunciati per una maggiore autonomia strategica e un approvvigionamento proveniente dall’Ue è il lancio di un primo Importante Progetto di Comune Interesse Europeo (IPCEI) sulle materie critiche. È un progetto di vasta portata per pianificare il nostro fabbisogno nella duplice transizione individuando fonti di approvvigionamento e costi sociali e ambientali. Dobbiamo entrare in una nuova ottica e questo progetto ci deve portare a sfruttare a pieno il potenziale inutilizzato dei paesi dell’Ue ricchi di materie prime critiche. 

In secondo luogo si vuole agire sull’intera catena del valore, dalla raccolta dei rifiuti e dal riuso alla progettazione dei prodotti adatta al recupero dei materiali, da una politica commerciale finalizzata ad aumentare l’approvvigionamento all’innovazione per la sostituzione di alcune materie prime critiche, alla ricerca sui materiali e agli sforzi per una maggiore autosufficienza anche ricercando ed estraendo queste materie all’interno dell’Unione. 


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5 6
7 8 9101112 13
14 15 16 17 181920
21 22 23 24 25 2627
28 29 30

Rassegna stampa