Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Ue: Picierno, con nuova Pac settore strategico e made in Italy al centro

23 Novembre 2021


"Il voto favorevole espresso oggi dal Parlamento europeo sulla riforma della Politica europea comune (PAC) per il 2023-2027 segna un avanzamento strategico su più livelli per l'agricoltura italiana. La Pac rappresenta il 31,95% del budget totale dell’Unione per il periodo 2021-2027, con una dotazione di 386,6 miliardi di euro a supporto dei quasi 7 milioni di aziende agricole europee, di cui l’Italia beneficerà per quasi 40 miliardi di euro. Basti pensare che il 15% di aiuti diretti verrà riservato al sostegno accoppiato alle produzioni più rappresentative del Made in Italy, dal pomodoro all'olivicoltura. Una componente fondamentale riguarda la sostenibilità, poichè il 25% dei pagamenti diretti sarà riservato ai cosiddetti eco-schemi. Essi premieranno quegli agricoltori che realizzeranno pratiche innovative e in grado proteggere i livelli unici di biodiversità che caratterizzano le aree rurali del nostro Paese". Lo riferisce, in una nota, l'europarlamentare del Partito Democratico Pina Picierno.

"Soprattutto grazie all'impegno del Gruppo S&D, si è riusciti a costruire un giusto equilibrio tra dimensione sociale, ambientale e economica della Pac. Per la prima volta, in 60 anni di storia di questa politica, siamo riusciti a inserire un sistema di condizionalità sociale che garantisca che non più un euro di fondi pubblici vada nelle tasche di chi non rispetti i diritti dei lavoratori. Sarà poi una politica più equa: almeno il 3% dei fondi viene destinato ai giovani agricoltori e minimo il 10% dei pagamenti diretti sarà redistribuito ai piccoli agricoltori. Con il voto odierno, la politica agricola diventa asse portante per uno sviluppo solido e sostenibile dell'Unione Europea, in cui il Made in Italy viene davvero tutelato e gioca un ruolo determinante", conclude Picierno


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4 5 6
7 8 9101112 13
14 15 16 17 181920
21 22 23 24 25 2627
28 29 30

Rassegna stampa