Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Marina Sereni a Radio Radicale

15 Agosto 2020

Parla la Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale




Ascolta l'intervista

Questa mattina su Radio Radicale ho commentato con Giampiero Gramaglia e Francesco De Leo le principali notizie internazionali. Qui alcuni dei temi che abbiamo trattato.
Approfitto per ricordare che è importantissimo mantenere le precauzioni contro il Covid19 (igiene delle mani, mascherine, distanziamento) e per augurare a tutti e a tutte Buon Ferragosto!


Bielorussia: Sereni, non riconosciamo l'esito elettorale
'Sosteniamo dialogo tra governo e opposizione'

Sulla Bielorussia "l'Europa con un consiglio straordinario ha preso una posizione chiarissima. Non riconosciamo l'esito elettorale e sosteniamo l'apertura del dialogo tra il governo e l'opposizione. In secondo luogo, occorre punire i responsabili delle gravissime, inaccettabili violenze di questi giorni, che saranno soggetti a sanzioni da parte dell'Unione". Lo ha detto la viceministra degli Esteri Marina Sereni a Radio Radicale.


Beirut: Sereni, l'Italia sia in prima linea contro la crisi
'Abbiamo contingente importante nella missione Unifil'

"Dopo l'esplosione a Beirut, Macron ha preso un'iniziativa molto importante convocando insieme alle Nazioni Unite una conferenza internazionale dei donatori e credo che vada ringraziato per questo. Nessun Paese pero' puo' fare da solo in un Libano sconvolto da tre emergenze, quella umanitaria, che era precedente al 4 agosto a causa del Covid e della grande presenza di profughi siriani, quella economico-sociale, che e' enorme per il default del Paese, e infine quella politica, con le dimissioni del governo e le proteste che sono la spia di un grande malessere ma anche del desiderio di rinnovamento, specialmente da parte dei giovani. L'Italia, che ha li' un importante contingente militare nella missione Unifil da noi guidata, deve essere in prima linea per evitare che il Libano sia risucchiato dalle crisi". Lo ha dichiarato a Radio Radicale la Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni. 

USA: SERENI, 'CHIUNQUE VINCA, RILANCIARE RAPPORTO TRANSATLANTICO EQUILIBRATO'
'Kamala Harris? candidatura molto forte'

A pochi mesi dalle elezioni presidenziali negli Usa, ''senza entrare nella campagna, c'è un tema relativo alla Nato, soprattutto se si guarda a quanto sta accadendo tra Grecia e Turchia. Abbiamo di fronte sfide enormi e dunque il rapporto con gli Stati Uniti è fondamentale sotto tutti i punti di vista, anche naturalmente per quanto riguarda la sicurezza". E' quanto ha affermato a Radio Radicale la vice ministra degli Esteri Marina Sereni. "Perciò penso che con qualsiasi amministrazione siederà alla Casa Bianca sia all'ordine del giorno il rilancio di un rapporto transatlantico solido ed equilibrato'', ha aggiunto, definendo Kamala Harris, ''una candidatura molto forte". "Lo si capisce dalle reazioni che ha suscitato, difficilmente comprimibile in uno schema semplice - ha aggiunto - Certamente rappresenta le minoranze, sarebbe la prima donna Vice Presidente, ma non è un'estremista''.


M.O.: Sereni, riaprire negoziati diretti per soluzione due Stati

"Sicuramente l'accordo Israele-Emirati e' un successo elettorale per Donald Trump, ma guardando al fatto in se' si tratta di una novita' storica che puo' certamente aprire la strada a ulteriori passi verso una normalizzazione dei rapporti tra lo Stato ebraico e i Paesi arabi". Lo ha dichiarato la vice ministra degli Esteri Marina Sereni a Radio Radicale aggiungendo: "L'accordo non ha al centro solo la vicenda palestinese, perche' gli sviluppi sono molteplici, tuttavia con l'accordo le annessioni in Cisgiordania vengono accantonate. Israele dice che sono sospese ma in ogni caso non sono piu' all'ordine del giorno. Ora pero' bisogna fare un passo avanti. Dipende molto dagli israeliani e dai palestinesi, ma anche dalla comunita' internazionale, in primo luogo dall’Europa. Si deve riaprire la strada di negoziati diretti tra le parti sulla soluzione dei Due Stati".




Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
12345
6789101112
1314 151617 18 19
20 21 22 23 24 2526
27 2829 30

Rassegna stampa