Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Venezia, Pier Paolo Baretta: La sfida alle grandi navi nel mio piano per la città - Intervista de La Repubblica

29 Febbraio 2020

Fonte:La Repubblica




Comunali: Venezia, Baretta accetta candidatura a sindaco


"Mettere insieme una coalizione che va da Renzi, Calenda al Pd fino alla sinistra, ai Verdi e a Rifondazione comunista è stato alla fine meno faticoso di un tavolo sindacale". Pier Paolo Baretta è il candidato dem a sindaco di Venezia e in un'intervista a Repubblica parla dei suoi progetti per la città. Se eletto, dice, tra le prime misure bloccherà le grandi navi in laguna, smantellerà il centralismo amministrativo di Luigi Brugnaro - il sindaco che la Lega ha lanciato per il bis alle amministrative di primavera -, punterà sulle verifiche di efficienza del Mose. "Vedendo Salvini passeggiare in San Marco pensando di prendersi una città capitale mondiale di cultura e di dialogo, non potevo restare indifferente".

Baretta parla dell'effetto che gli ha fatto vederla semi vuota: "Una sensazione di desolazione e di grande malinconia. Ma anche da qui può venire una lezione: è quella di saper reagire. Non si può stare immobili. Questo è il momento di scegliere".

"Nel decreto - varato ieri dal governo per l'emergenza Coronavirus, ndr - c'è una parte sull'emergenza turismo. È una emergenza che vale per tutta l'Italia, ma a Venezia è più evidente che altrove. Quindi è prevista la cassa integrazione per evitare i licenziamenti nel settore delle attività turistiche e alberghiere. Venezia è cruciale e fragile. Con Marghera e Mestre poi, che sono luoghi produttivi importantissimi, è città metropolitana che va rilanciata".

L'esponente del Pd spiega anche le ragioni che lo hanno spinto a candidarsi: "Non l'ho cercata. Ma non si può consegnare Venezia alla Lega di Salvini e di Zaia che, con la battuta sui cinesi che mangiano i topi vivi, alimenta l'odio. Decisivo è stato avere ottenuto l'unità del centrosinistra in cui tutte le forze politiche sono convinte che occorra una visione di futuro. Il turismo ad esempio, è una risorsa, ma non può schiacciare la vita quotidiana. Numero chiuso o flussi turistici? Ne discuteremo, però Venezia è una città viva non un museo".

"La coalizione va dalle liste veneziane centriste a Renzi, Calenda, il Pd, i verdi, la sinistra, fino a Rifondazione. Si può fare e si può provare a vincere anche dove tutti danno per scontato che non ce la puoi fare - aggiunge -. Mettere d'accordo tutti è stato meno difficile di un tavolo sindacale, forse proprio perché il percorso politico per trovare un candidato sindaco del centrosinistra è stato travagliato. Non facile, ma neppure impossibile".

"Non vedo distanze così insormontabili - prosegue -. Bisogna togliere subito le grandi navi dal bacino di San Marco e poi discutere tutti insieme la soluzione definitiva senza pregiudizi. Sul Mose vanno fatte le verifiche su impatto ambientale e efficienza e quindi va completato con queste verifiche".

Continua intanto a fare il sottosegretario all'Economia? "Sì perché gli impegni sono tanti e tali in questo momento... però lascerò tutto per fare il sindaco", assicura. 

Scaricare l'intervista in formato PDF


Pier Paolo Baretta: “Una grande partecipazione, così batterò Brugnaro”.
Il Sottosegretario candidato Sindaco per il centrosinistra: “Scelto per un programma di rinnovamento”.
Intervista del Corriere del Veneto»
“Il futuro è a Mestre”. Nella città che non ha ancora smaltito le scorie del quinto referendum separatista, si sono scatenati i fischi della curva social sull’affermazione del candidato sindaco di centro, sinistra e civiche, Pier Paolo Baretta che, residente a Roma e Sottosegretario all’Economia, progetta di ritornare a vivere in città, prendendo casa in terraferma.
“Nessuna logica separatista o di contrapposizione tra le due città – puntualizza – Venezia è il cuore di qualsiasi progetto e la sua dimensione mondiale la rende il punto di coagulo della progettualità di lungo respiro nella quale Mestre e Marghera vanno considerate alla pari; la grande Venezia metropolitana è il progetto unitario a cui tendere”.

Scarica l’intervista del Corriere del Veneto (file PDF)»


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
56 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Rassegna stampa