Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento Ŕ AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Pinotti: I confini dell'Europa non si disegnano con i carri armati - Intervento su TPI

27 Febbraio 2022

L'intervento di Roberta Pinottu su TPI di questa settimana 👇

“Caro Putin, i confini dell’Europa non si disegnano con i carri armati”
L’Europa precipita in una crisi al buio, grave e senza precedenti: il giorno della dichiarazione unilaterale di Vladimir Putin sull’Ucraina, dopo il riconoscimento delle due repubbliche delle due repubbliche del Donbass, mi trovavo a Bruxelles, impegnata nei lavori del primo giorno dell’assemblea parlamentare della Nato. I primi lanci di agenzia sul discorso del presidente russo sono arrivati verso sera, abbattendosi sulla platea come dardi, e sollevando sgomento e preoccupazione. Ho vissuto questo drammatico cambio di clima, dunque non con la prospettiva e lo sguardo di chi vive in Italia, ma avendo al fianco parlamentari rumeni, ungheresi, polacchi, bulgari e dei Paesi baltici: rappresentanti di Paesi direttamente confinanti con l’Ucraina o coinvolti nello stesso teatro regionale.
Il secondo giorno, a dirigere i lavori c’è un democratico americano. La prima parte del suo speech, dedicata alla crisi, è segnata da grande preoccupazione e grande fermezza. La ascoltiamo in silenzio, con attenzione. Tutti – in quelle ore – percepiscono come grave il passo di Putin, condividono la volontà di rispondere alla minaccia. Di cosa si parlava, in questa sede europea, sotto le insegne della Nato, dopo quel discorso? Di «sanzioni proporzionate» e di dissuasione diplomatica. Della necessità di rispondere senza tentennamenti ad un arbitrio senza precedenti.
Ma la domanda che mi facevo io, mentre ascoltavo queste valutazioni e condividevo queste preoccupazioni, era un’altra: perché proprio ora? Perché la Russia rompe un equilibrio che – nel bene o nel male – era tale dal 2014?
Non si può rispondere in maniera adeguata a Putin, se non si scioglie questo interrogativo, se non si restituisce quel che è accaduto in questi anni. Tutto inizia a Kiev nel 2014, con le dimissioni del presidente filo-russo, Viktor Yanukovich. E prosegue con un primo atto di occupazione illegittimo, quello con cui Putin si prende la Crimea. La crisi, dunque, non è solo prodotta da un conflitto politico ma da un sentimento più profondo che attraversava (e attraversa) la maggioranza del popolo ucraino: un desiderio esplicito di entrare in Europa. Dietro questa parola d’ordine, che ha acceso i cuori ai tempi della cosiddetta “rivoluzione arancione” c’era qualcosa di più. L’adesione, quasi istintiva, a un modello politico: quello della democrazia liberale e rappresentativa di contrapposizione alla “democratura” dei regimi fondati sul carisma di un uomo in cui tutte le istituzioni assecondano il potere in un solo leader.
Se non si coglie questo bivio, non si capisce cosa sia davvero in gioco oggi. Ecco perché, nella strategia militare di Putin, nel riconoscimento delle repubbliche separatiste, nelle truppe ai confini tra Bielorussia e Ucraina, c’è un sopruso inaccettabile: l’idea che i confini dell’Europa si possano ridisegnare con un esercito. È questa la pretesa che non possiamo accettare: perché una volta che ti pieghi alla logica della potenza, dove ti puoi fermare? In questa strategia c’è un elemento che è allo stesso tempo anacronistico e pericoloso: una nostalgia dell’Impero, della Grande Russia e una volontà di tornare ai codici e alla brutale logica della realpolitik della Guerra Fredda. La sua idea di nuova contrapposizione geopolitica Putin l’ha messa nero su bianco, scritta nello scambio di lettere con USA e Nato sulla crisi #Ucraina (che, fra l’altro, in modo molto irrituale, sono state rese pubbliche). Putin vorrebbe tornare ai confini della Nato precedente alla dissoluzione dell’Urss e porre un veto alla possibilità dell’Ucraina di farne parte. Una pretesa irricevibile. Putin non immagina la Russia come uno Stato tra gli Stati, ma come una potenza che discute con le grandi potenze passando sopra la volontà delle altre nazioni: inaccettabile.
Noi europei, dunque dobbiamo immaginare una strategia opposta: restituire centralità all’Europa, evitare ogni divisione. La Germania interrompe il North Stream 2 e le prime sanzioni finanziarie sono già state deliberate. Non so se la Russia vorrà acuire ulteriormente la crisi già in atto ed è difficile prevedere le azioni di chi si muove su una logica completamente differente dalla nostra. Ma mi pare che queste mosse stiano provocando effetti opposti ai desiderata.
Putin credeva, in questo momento, di trovare un Occidente più debole, più diviso. Ha valutato che il ritiro dall’Afghanistan avesse indebolito l’Alleanza Atlantica e che la crisi energetica aumentasse il suo peso contrattuale. Ma forse ha sbagliato valutazioni. La coesione è forte e si è rinsaldata. Molte mosse di Putin in passato sono state brutali ma tempestive. Oggi, invece, forse per la prima volta, il leader russo è isolato e solo. Almeno in Europa e in Occidente.

Pinotti: Attacco gravissimo e ingiustificato della Russia all’Ucraina» 
Pinotti: UE e NATO devono rispondere con fermezza all'invasione russa dell'Ucraina» 




Ucraina: Pinotti, Putin non si aspettava compattezza Ue e resistenza
"Una delle sorprese per Putin è stata la resistenza Ucraina, sia delle truppe che dei cittadini, che non si aspettava così decisa, considerando soprattutto che la potenza di fuoco tra le due parti non può nemmeno essere paragonata. Che si apra un canale di dialogo è utile per far finire il prima possibile l'escalation di violenza a cui abbiamo assistito in questi giorni". Così la dem Roberta Pinotti, presidente della commissione Difesa del Senato e già ministra della Difesa a Radio Immagina (audio)."Sono soddisfatta - ha aggiunto - della forte determinazione europea e di quasi tutta la comunità internazionale . La risoluzione che condanna l'invasione Ucraina è stata votata nel Consiglio di sicurezza dell'Onu: la Russia ha posto il veto e registro che paesi importanti, come la Cina, l'India e gli Emirati, si sono astenuti. Nel perimetro europeo, anche da quelle voci solitamente più dissonanti, come per esempio l'Ungheria di Orban, c'è stata compattezza"."Putin - ha concluso - pensava di trovare un Occidente indebolito. La risposta immediata che c'è stata dentro la Nato, le parole delle autorità europee e le sanzioni economiche sono state, insieme alla resistenza ucraina, un impatto con la realtà che Putin non si aspettava".

Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Rassegna stampa