Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Il nuovo Pd ha bisogno del modello Milano - intervento di Nicola Zingaretti su la Repubblica

26 Gennaio 2019


Non sono Nicola Zingaretti il politico - intervista della scrittrice Chiara Gamberale


Il voto delle iscritte e degli iscritti al Partito democratico ha registrato un grandissimo e trasversale consenso intorno alla mia proposta politica in gran parte del Paese.
 In questo scenario voglio dire però che i risultati di Milano e della Lombardia mi fanno particolarmente piacere. Non solo per il loro “peso” specifico dentro il contesto italiano, ma perché questi territori rappresentano un laboratorio di una nuova e bella politica. Si tratta di esperienze che saranno fondamentali per la rigenerazione del Partito democratico e per aiutare l’Italia a costruire il futuro che merita. Dobbiamo tenerci pronti, perché il governo gialloverde sconterà presto la drammatica mancanza di idee per lo sviluppo, la vacuità delle promesse sulla sicurezza, e perfino – ne sono convinto – la disumanità di tante scelte e azioni.

L’Italia è laboriosa, solidale e dinamica. L’odio e il rancore non sono un progetto per il futuro. L’esperienza del centrosinistra di Milano e di tante realtà lombarde, il dinamismo impresso alla città da sindaci come Pisapia e Sala, la capacità di includere e allargare il perimetro della politica al mondo delle associazioni, del volontariato e della società civile costituiscono un modello esemplare. E mostrano limpidamente come l’equità nelle scelte politiche possa essere il fondamento della prosperità di un territorio.

Ho lanciato la sfida per la rigenerazione del Partito Democratico e del campo del centrosinistra perché credo fermamente che ridare una prospettiva diversa al Pd sia necessaria per l’Italia. In questi mesi girando tante città italiane ho trovato tantissime realtà di cui i media parlano troppo poco: persone orgogliose della propria storia e dei propri valori, desiderose di riscatto e con idee e proposte da mettere al servizio del Paese. Dentro il Partito Democratico, ma anche in centinaia di associazioni, esperienze civiche e mobilitazioni spontanee. E quando riusciamo a entrare in connessione diventiamo tutti più forti. Ecco perché a loro dobbiamo dare il protagonismo che meritano.

È arrivato il momento di voltare pagina. Aprire il Partito Democratico alle forze migliori della società, riunire, superare steccati e divisioni che hanno lacerato e indebolito tutti noi. Per riuscirci, serve un progetto comune, fatto di persone motivate e capaci di essere radicali sui principi, pragmatiche nelle azioni, aperte e animate da uno spirito unitario. Per queste ragioni a Milano e in Lombardia mi sento a casa. Perché, proprio nel tempo della chiusura delle destre dobbiamo costruire un’alternativa che somigli alle cose migliori che ho visto e conosciuto nella città del cardinale Martini e in tante realtà lombarde: il senso civico, l’orgoglio, la fiducia nel futuro, la voglia di innovare e di giocare con coraggio e passione alcune grandi partite decisive per il nostro futuro.

Quella della crescita giusta della nostra economia e dello sviluppo sostenibile, quella dei diritti civili e sociali, quella della creazione di lavoro, nel rispetto dei diritti. E poi la battaglia fondamentale per la nostra collocazione nel mondo: proprio la Lombardia, forte quando è capace di aprirsi al mondo, ci dice che il nostro posto non può essere dentro un piccolo confine, ma è dentro una nuova Europa, più giusta e più democratica. Io credo che proprio questi elementi, che costituiscono il cuore del mio progetto per il nuovo Partito Democratico e per l’Italia, siano stati il fattore che ha portato tante persone e tante esperienze diverse, anche in Lombardia, ad aderire alla mia proposta politica. Continuerò quindi a lavorare a questa grande idea, da realizzare insieme. E sono certo che il 3 marzo, anche grazie alla Lombardia e alla ricchezza della società civile e questa regione, saremo molti dei tanti militanti attivi in di più. Per il centrosinistra e
per l’Italia, il 3 marzo è davvero un’occasione per cambiare e ripartire.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2
34 567 89
1011 1213 1415 16
171819 2021 2223
24 25 26 27 28

Rassegna stampa