Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Copyright, Silvia Costa: la direttiva Ue non penalizza gli utenti ma i colossi del web - intervista di Italia Oggi

07 Settembre 2018

“A un giovane del popolo della rete direi che la direttiva europea sul diritto d`autore tutela la dignità del lavoro di un suo coetaneo, lo difende dai parassiti del web»

di Alessandra Ricciardi 

“A un giovane del popolo della rete direi che la direttiva europea sul diritto  d`autore tutela la dignità del lavoro di un suo coetaneo, lo difende dai parassiti del web». Silvia Costa, deputata del Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo, componente della Commissione cultura della Ue, di cui nella passata legislatura è stata presidente, è in prima fila nella battaglia per l`approvazione della direttiva europea a tutela del copyright. Una battaglia appoggiata in Italia sia da Fieg che Fnsi e che vede sull`altro fronte giganti del web come Google e Facebook. A luglio il Parlamento ha bloccato l`avvio dei negoziati con il Consiglio sulla direttiva con 318 no, 278 sì e 31 astenuti. «Mercoledì prossimo riprendono le votazioni su un testo rivisto, dopo il lavoro di mediazione svolto dal relatore», il tedesco della Cdu Axel Voss, «è una partita aperta, ci sono molti indecisi, alcuni parlamentari potrebbero rivedere la loro contrarietà», dice la Costa, che ammette pressioni e mail intimidatorie in queste settimane, «all`europarlamento sono arrivate quasi 60 mila mail per dirci di fermarci, da una prima indagine sembrerebbero in maggioranza di provenienza americana».

Partiamo dal merito. A scatenare le polemiche sulla direttiva sul digital single market sono state le modifiche agli articoli 11 e 13, vale a dire l`obbligo di riconoscimento economico agli autori per i contenuti diffusi dalle piattaforme e l`installazione di un filtro per impedire il caricamento online di materiale protetto da copyright. Perché siete intervenuti su questo fronte?

La normativa attualmente in vigore risale a 18 anni, quando al massimo si parlava di e-commerce. Il problema del ruolo delle piattaforme online nella diffusione di contenuti giornalistici o creativi non esisteva nella misura in cui è divampato negli ultimi anni. Nell`ambito della Strategia digitale europea, la Commissione si è posta l`obiettivo di adeguare le regole alle nuove sfide anche in merito alla tutela del diritto d`autore. Mi pare una scelta oserei dire, oltre che fondamentale, elementare.

Qual è l`obiettivo?

Creare un equilibro tra le piattaforme online, soprattutto le grandi, e i produttori di contenuti ovvero i titolari dei diritti d`autore. Mi spiego meglio, questa direttiva tende a trovare un equilibrio tra la tutela della diversità culturale e informativa, che è bene protetto dal trattato di Lisbona -la costituzione europea- e la sostenibilità economica delle imprese che investono nella produzione dei contenuti.

L`accusa di chi avversa la direttiva, come il Movimento5stelle, è che con le nuove regole non ci sarebbe più libera circolazione delle informazioni.

È una fake news. Per chi diffonde un contenuto altrui di remunerare l`autore dello stesso non incide sugli utenti finali ma su chi diffonde le informazioni, contenuti. Un`informazione di qualità richiede investimenti sulle risorse umane, servono giornalisti in gamba. Questo costa. E va ripagato. Ne faccio non solo una questione economica, ma anche morale, di dignità, di rispetto del lavoro e della qualità della nostra democrazia.

E la libertà della rete?

Io non credo che si possa parlare di libertà della rete quando abbiamo grandi aggregatori di contenuti che utilizzano il lavoro intellettuale e creativo di altre persone e imprese senza riconoscerlo economicamente, anzi lucrandoci grazie alla pubblicità che con quei contenuti riescono ad agguantare. Sono parassiti.

Non è una battaglia di retroguardia, a tutela di vecchie forme di business?

Questa è un`accusa che non sta in piedi. Faccio l`esempio di Spotify: ha 150 milioni di utenti e restituisce come royalty ai produttori di contenuti 1 miliardo e 200 milioni di euro. Youtube ha 900 milioni di utenti e restituisce 650 milioni. Il fatto è che ci sono piattaforme che riconoscono i diritti d`autore, e altre che se ne fregano. Una stortura del nuovo mercato. Non è un caso che tanti artisti e giornalisti abbiano preso posizione a favore della direttiva.

Che cosa direbbe a un giovane del popolo della rete che l`accusa di volergli rubare la sua libertà in rete?

Gli dico che sto difendendo il diritto di un suo coetaneo a vivere del suo lavoro intellettuale e creativo, la dignità del suo lavoro contro i giganti usurpatori del web. La materia prima dell`Europa è la conoscenza, è il motore della nostra economia. Va difesa. E con essa la qualità dell`informazione che è anche il diritto dei cittadini ad essere informati nella pluralità delle fonti. Tutti noi dobbiamo metterci al riparo dall`attacco delle fake news che abbassano la soglia del livello critico. La direttiva serve anche a questo.

Avvertite come europarlamentari le pressioni degli over the top alla Google o Facebook?

Eh sì. Tra l`altro siamo stati invasi da 60 mila mail di protesta all`indirizzo degli europarlamentari che si sono schierati a sostegno della direttiva, con toni intidimidatori, ci chiedono di fermarci. La maggior parte proviene dagli Usa.

Mi spiega il caso Wikipedia?

Un caso strano. Dalla direttiva abbiamo espressamente tenuto fuori Wikipedia come libera enciclopedia online nell`ambito delle eccezioni previste per i settori non commerciali. Eppure ha fatto campagna contro. Un caso su cui dovrebbe indagare il Garante europeo.

A luglio, il parlamento non ha votato il mandato al relatore per trattare con il Consiglio sulla direttiva. Salvo il Ppe, tutti i gruppi si sono spaccati. Com`è questa volta la situazione politica?

Anche dal Ppe sono mancati dei voti, comunque conto nel lavoro di mediazione che ha fatto il relatore. Proporrò che si voti in blocco tutta la parte della direttiva su cui non c`è dissenso così poi da concentrarci sugli emendamenti agli articoli più contestati, 1`11 e il 13.  Spero ci si possa concentrare sulle proposte di Voss, che ha fatto lavoro di sintesi. Cosa accadrà alla stretta finale non è dato saperlo. Ci sono molti indecisi, alcuni colleghi mi hanno confidato di essersi ricreduti e di voler rivedere la loro contrarietà. La partita è aperta.


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1
23 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Nuovi italiani

Rassegna stampa