Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Pontida: Serracchiani, non Norimberga ma può diventarlo

01 Luglio 2018



"Pontida non è ancora Norimberga ma può diventarlo, se la Lega prosegue sul crinale del nazionalismo, del conflitto con l'Europa, col resto del mondo e anche con noi stessi. Un leader che proclama 'nulla ci è vietato', che chiama la folla ai giuramenti, spalanca le porte ad avventure ignote".?Lo afferma in una nota la deputata del Pd Debora Serracchiani, commentando il discorso del vicepremier e leader della Lega Matteo Salvini,
 oggi al raduno di Pontida. "Ringraziamo Salvini - continua Serracchiani - perché si limita a voler governare l'Italia solo per i prossimi 30 anni e non, bontà sua, per i mille anni previsti da un altro capo per un'altra nazione. Siamo noi a dirgli?'giù le mani dalle nostre tradizioni e dalla nostra cultura', che non sono quelle di un chiuso borgo medievale ma quelle della luce dell'umanesimo, del cristianesimo solidale e senza spada, della pluralità e della tolleranza". Per Serracchiani "il programma dichiarato da Salvini di far cadere il muro di Bruxelles dice più di quel che appare: significa - conclude - rialzare i confini, introdurre protezionismi commerciali e limitazioni alla libertà di spostamento. Significa creare i presupposti per una politica ostile e aggressiva, che l'Italia ha sempre pagato cara".


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1
2345678
910 11 12 1314 15
16 17 18 19 20 2122
23 24 25 26 27 28 29
30

Nuovi italiani

Rassegna stampa