Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Zanda scrive a Ferrara - lettera a Il Foglio

25 Maggio 2018

Al direttore – Ho molto rispetto e amicizia per Giuliano Ferrara, ma questa volta sono proprio in totale disaccordo con lui. Nemmeno a me piacciono i risultati del 4 marzo e anch’io considero un grave danno che nessuna forza politica e nessuno schieramento votato dai cittadini abbia raggiunto il 51 per cento. Anche a me il nascituro governo Conte non piace per nulla e penso che potrebbe diventare rischioso per l’Italia. Ma trovo molto ingiusto che, invece di dare atto al presidente della Repubblica della correttezza costituzionale con cui ha gestito la crisi più difficile del dopoguerra, lo si contesti con un impeto la cui violenza sa più di umore che di ragione. Qualcuno avrebbe potuto preferire tornare a votare piuttosto che vedere nascere il governo Conte. Ma, davanti al formarsi di una maggioranza parlamentare e in assenza di alternative, il presidente della Repubblica ha il dovere di rispettarla. Se non lo facesse la sua sarebbe una violazione del dettato costituzionale.
Cordiali saluti.
Luigi Zanda


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 3031

Nuovi italiani

Rassegna stampa