Registrati

Privacy

Informativa ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. La raccolta e il trattamento dei dati sono effettuati limitatamente ai fini connessi alla gestione operativa e amministrativa del servizio. I dati sono trattati con strumenti informatici e telematici e non saranno comunicati a terzi. Il titolare del trattamento è AreaDem.
* Acconsento al trattamento dei miei dati personali
Log in

 
Registrazione al sito - Login al sito

Ragioni e sentimento per il mio sostegno a Renzi - di Luisa Buonpane

20 Aprile 2017

Impegno e lavoro, limiti ed errori, conquiste e sconfitte: un progetto di trasformazione forte ed energico come quello del profilo politico del PD, avviato da Matteo Renzi, non può prescindere da siffatti gradini.

E' da questa ferma convinzione che si muove il mio personale sostegno ad un'idea di sistema democratico riformato e di un centrosinistra  aperto ed attraente, sino a poco più di 1000 giorni fa radicato in un riformismo proclamato ma di rado praticato.

Rispondo con entusiasmo alla sfida lanciata dal segretario uscente per un PD che guarda al futuro e si mette ancora in gioco, perché la storia del riformismo italiano continui a camminare: diversi ma uniti. Avanti, insieme. Questo è il Partito Democratico per il quale intendo continuare a lavorare. Ma non da sola, insieme.

Lavoreremo insieme a fondo, con iniziative sul territorio, per riaprire un confronto aperto e forte con i tanti cittadini che non cercano polemiche ma risposte credibili ai problemi di ogni giorno. Per dare al Paese un Partito Democratico all’altezza delle sfide globali che ci attendono e recuperare il gap di crescita che ci separa dal resto d’Europa.

Perché, in questi tre anni, tante sono le cose positive fatte, a partire dalla legge sul “dopo di noi”, le unioni civili, la legge contro il caporalato ed il sostegno all’agricoltura, i progetti per le periferie e lo sviluppo della green economy. Abbiamo assistito alla stabilizzazione nel mondo del lavoro di 645 mila posti, oltre alla salvaguarda per chi era rimasto senza pensione. E poi ci sono le riforme delle polemiche, la "buona scuola" e i "voucher" sono indubbiamente termini che rimarranno impressi nella memoria collettiva, viste le pesanti contestazioni del mondo della scuola e del lavoro.

Da qui bisogna ripartire, da una comunità democratica,  che sarà in grado di correggere gli errori e di superare le difficoltà. Certo, l'enfasi degli errori può oscurare i risultati, ma non cancellarli.  Sono convinta che soltanto un gruppo dirigente con la leadership vitale di Matteo Renzi potrà fare fronte alla complessità delle sfide che ci attendono!

Luisa Buonpane

@luisabuonpane


Commenta... oppure


torna su

Agenda

DoLuMaMeGiVeSa
12 3 4 56 7
89 1011121314
151617 18 1920 21
2223 24 25 262728
2930 31

Nuovi italiani

Rassegna stampa